2014

L’occupazione nello spettacolo in Emilia-Romagna

Il rapporto analizza l’occupazione nel settore dello spettacolo in Emilia-Romagna negli anni 2006, 2009, 2011 e 2013, anche confrontando i valori regionali con i dati registrati a livello nazionale. I settori considerati sono la musica – che include al proprio interno la danza – il teatro e il cinema.

 

Nel 2013, la forza lavoro espressa dalla Regione nel comparto musica e danza, costituita da 5.480 addetti, è pari al 13,2% di quella rilevabile a livello nazionale, laddove la popolazione rappresenta circa il 7% del paese; tuttavia l’andamento occupazionale mostra un trend nel complesso negativo, a cui si aggiungono le diminuzioni nel quinquennio 2009-2013 del totale delle giornate lavorate (-15,3%) e delle retribuzioni corrisposte (-17,4%).

Passando al teatro, si colgono andamenti differenti: nel triennio 2011-2013 vi è un calo complessivo dei lavoratori pari al 6,2%, a fronte di un aumento dello 0,5% del numero totale di giornate lavorate (benché nel quinquennio 2009-2013 si sia registrata una contrazione di quasi 30.000 giornate) e una crescita delle retribuzioni annue del 4,5%.

 

Il cinema, in confronto allo spettacolo dal vivo, rappresenta una realtà meno significativa: l’incidenza dei lavoratori dell’Emilia-Romagna nel 2013 corrisponde al 2,1% della forza lavoro nazionale, in calo da 2.005 unità del 2011 a 1.542 del 2013 (-23,1%). La performance negativa riguarda anche il numero di giornate lavorate e le retribuzioni annue, pari rispettivamente a -23,1% e -26% nell’ultimo biennio.

I dati utilizzati sono stati prodotti e forniti dagli uffici statistici dell’INPS di Roma per la Regione Emilia-Romagna. Si specifica che i lavoratori dello spettacolo sino al 2011 hanno fatto capo a livello previdenziale all’ENPALS (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo): a decorrere dal 1 gennaio 2012 le relative funzioni sono state attribuite all’INPS.

Il rapporto fotografa la situazione dell’occupazione nello spettacolo in Emilia-Romagna nel 2019
Altre analisi dell'occupazione